Come migliorare le proprie capacità comunicative

Essere in grado di comunicare efficacemente con gli altri è un requisito essenziale per farsi comprendere dalle persone di tutte le età e livello culturale. Chi possiede un livello di istruzione elevato in genere è più propenso a parlare meglio, ma ci sono casi di persone molto ben istruite che hanno difficoltà a parlare bene. A volte dipende dall’umore, da uno stato d’animo soggettivo, spesso dalla scarsa abitudine a parlare con gli altri oppure, più semplicemente, dipende dal fatto che si è smesso di leggere. In determinati ambiti lavorativi saper comunicare è fondamentale. Per questo motivo esistono dei corsi per migliorare la comunicazione che fanno leva tanto sulla proprietà di linguaggio, quanto sulla postura e il self-control.

Alcuni dei suggerimenti più efficaci per migliorare la propria capacità comunicativa fanno leva sull’assertività e la capacità di essere persuasivo, accompagnando alle parole anche il linguaggio del corpo. comunicazioneÈ cosa nota che gran parte della nostra comunicazione provenga dal linguaggio del corpo. Una persona che suda freddo e trema, difficilmente ci convincerà di essere rilassata se ce lo dice. Ma non solo: il linguaggio del corpo, l’uso dei gesti e la postura possono rafforzare un concetto, fino ad essere determinanti nella comprensione di ciò che stiamo dicendo. Inoltre, gli istruttori della buona comunicazione, i coach, sostengono che la base fondamentale di un buon comunicatore è quella di essere un buon ascoltatore. Diventare ascoltatore, essere capace di leggere gli altri, di comprendere ciò che stanno dicendo con pazienza e concentrazione, aiuta a relazionarsi con il pubblico. In una presentazione aziendale – per esempio – questo è fondamentale.

Nella comunicazione verbale il tono e il trasporto con il quale si esprimono i concetti è essenziale. I grandi comunicatori della storia hanno sempre lasciato spazio alla suggestione, alla capacità di trascinare il loro auditorio con una veemenza che non necessariamente si esprimeva in un innalzamento del tono della voce. Essere assertivi è fondamentale: importante è non avere un tono minaccioso, prevaricatore. L’argomentazione tende ad aiutare il convincimento altrui, ma è necessario solo in alcuni contesti. Un’esposizione assertiva è basato sull’io che agisce, io che propone e non sull’auditorio che dovrebbe fare o dovrebbe eseguire. In questo modo si incanala l’attenzione di chi ci ascolta verso una forma di esempio. Dire: “io farei così” è molto meglio che dire “voi dovreste fare così”. Una pratica che aiuta è quella di comunicare sempre con gli amici, concentrandosi su questi aspetti e non avendo un atteggiamento prevaricatore. Chi ama interrompere gli altri dovrebbe mordersi la lingua, anche se ha una proprietà di linguaggio degna di Cicerone.


In Tema

Commenta