Che cos’è il microblading?

Oggi, i centri estetici più al passo coi tempi, come www.ajsorelle.com, offrono un particolare trattamento alle e ai loro clienti, ovvero la tecnica del microblading. Se siete stufi di perdere tempo tra pinzette e matite per sistemare tutte le mattine le sopracciglia, facendo questo investimento potrete dire addio a dei momenti estremamente noiosi e risparmiare un po’ di tempo!

Diamo peso alle nostre sopracciglia

Sempre più importanti, nella cura e nell’aspetto estetico, stanno diventato le sopracciglia, perché si è compreso come siano fondamentali per esaltare lo sguardo e in generale il carattere del volto. Quindi tenerle in ordine è sempre fondamentale, anche se riuscire a trovare un momento nel quotidiano per sistemarle e curarle a dovere, in una vita così frenetica quale è quella moderna, è sempre più complicato.

Ecco perché si può ovviare a questo problema con l microblading, trucco semipermanente che si fa con una tecnica molto particolare e precisa che cura le sopracciglia pelo per pelo.

Nato negli States, dove è molto popolare, il microblading è da non molti anni arrivato anche in Italia e in Europa, prima in quella orientale e poi anche da noi. Nel vecchio continente sta avendo successo molto in fretta, proprio grazie ai grandi risultati che è in grado di dare. E forse, è proprio la strada per finalmente pensionare le pinzette. Ma di cosa si tratta, esattamente?

Il microblading ha lo scopo di riempire i buchi che si creano nell’arcata delle sopracciglia, che fino ad ora si riempivano con delle matite con colori il più possibile vicini a quelli naturali, o con dei tatuaggi permanenti dai risultati non molto naturali. Al contrario il microblading ha un risultato più naturale, perché riempie i peli disegnandoli uno alla volta.

È una soluzione ottima per chi ha le sopracciglia poco folte e invece vorrebbe proprio definirle e infoltirle.

Come funziona il microblading

Con degli aghi sottilissimi, imbevuti di colore, l’operatrice va a riempire punto per punto i pori delle sopracciglia, o le va a rinfoltire. Traccia un singolo pelo, con estrema precisione, quasi chirurgica che quindi va a superare i limiti caratteristici del tattoo permanente.

Il tatuaggio per via delle vibrazioni molto spesso non lascia ben penetrare sottopelle il colore. Andando, invece, ad operare sul singolo pelo avremo un risultato molto più definito, anche grazie alla speciale penna caratteristica del microblading, penna appunto costituita di tanti sottilissimi aghi, leggera e pratica da maneggiare.

Il microblading supera il tatuaggio anche per quanto riguarda la scelta del colore: se i tattoo andavano a macrocategorie, il microblading ha una grandissima gamma di colori e pigmenti, che si scelgono in base al colore naturale delle sopracciglia vere del cliente.

Il microblading non è certo per tutti gli estetisti, perché richiede precisione ed esperienza anche nell’uso dei colori, nonché tantissima pazienza. Molti centri estetici, a Milano, Roma, Napoli, Torino – le prime città italiane dove la tecnica si è diffusa -fanno anche dei corsi per permettere a tutti gli estetisti di aggiornarsi.

Una tecnica in due sedute

Il microblading richiede due sedute per essere messo in pratica, cui segue anche un appuntamento per il mantenimento. La prima seduta costa tra i 200 e i 450 euro in base al salone, e prevede una fase di studio della persona, la scelta del colore, e la realizzazione del trucco.

Dopo un mese, circa, c’è la seconda seduta dal costo di 100 euro, più o meno, che è una seduta di ritocco fondamentale per perfezionare il lavoro e ottenere ciò che ci si era prefissati inizialmente.

Per completare, c’è il ritocco annuale o semestrale che costa circa 200 euro che permette di mantenere sempre al top il risultato finale, sia per quanto riguarda la forma che il colore. Tutto il trattamento, in genere poco doloro, è reso indolore con la crema anestetizzante che si applica sulle sopracciglia.

In Tema

Commenta