Il valore dei biglietti di auguri per Natale

Natale, un periodo dove vince la bontà, lo si sente ripetere spesso. Ma in fondo alla fine è così: ci sentiamo più buoni e siamo più inclini a fare regali, occuparci degli altri. Nel mondo frenetico di oggi sembra che il Natale rappresenti una pausa, uno stacco, un ritorno alla tradizione. Fino a pochi anni fa, le aziende approfittavano del Natale per spedire bigliettini di auguri che servivano a rinforzare il legame con i propri fornitori. Nella pubblicità tradizionale far sentire i propri clienti a casa, i fornitori a loro agio, come se avessero i migliori contratti del mondo, è fondamentale. Per questo far “sentire bene” un cliente dovrebbe essere la priorità di ogni imprenditore. I bigliettini di Natale aziendali, spediti con il logo dell’azienda sono stati sempre efficaci, a dispetto della semplicità del gesto, perché infondono dei sentimenti in un periodo nel quale siamo disponibili a riceverli. Perché allora non utilizzare i bigliettini di Natale dell’AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro? In questo modo si può unire una causa benefica a una commerciale, senza apparire smaccatamente venali. Anzi, operazioni come queste dal punto di vista del business sono sempre ben accolte e toccano una corda universale. I clienti che ricevono il bigliettino si sentono apprezzati, resi importanti da un gesto semplice, ma puntuale, che riscuote sempre successo.

L’AIRC si occupa da anni di sensibilizzare, finanziare e stimolare la ricerca sul cancro. I tumori in Italia, come in ogni società occidentale, di benessere, finiscono per colpire quasi tutte le famiglie in modo diretto o indiretto. L’importanza della prevenzione della cura non viene mai sottolineata abbastanza, per questo motivo l’operato di un’associazione come l’AIRC è importantissimo. È possibile aiutarla con donazioni, lasciti testamentari, contributi di vario tipo come il 5 x 1000, anche facendo del volontariato o partecipando alle manifestazioni che di volta in volta trovano appuntamento ogni anno, come le arance e le azalee. Le aziende possono invece utilizzare i biglietti di Natale o effettuare sottoscrizioni, in occasione di festività come il Natale. L’AIRC raccoglie finanziamenti alla ricerca nel settore oncologico così da poterli paracadutare alle varie strutture ed equipe di ricerca impegnate nella lotta contro i tumori.

Le aziende, dicevamo, avrebbero un grande interesse a spedire biglietti di Natale fai da te. Il motivo risiede in un movente psicologico: le persone, seguendo il principio di reciprocità, tendono a sentirsi emotivamente impegnate a restituire quando ricevono qualcosa in regalo. In fondo, tutta la tradizione dello scambio di regali di Natale si basa su questo assunto. Ma un piccolo gesto che tocca una corda emotiva, può influenzare positivamente il giudizio di chi lo riceve nei confronti di chi lo fa. Un commercialista o uno studio di contabilità può mandare un biglietto natalizio originale alle aziende, per farsi in qualche modo perdonare per le tasse fatte pagare. Una libreria può spedirle ai suoi clienti più affezionati. Un e-commerce può mandarli a una lista particolare. Le aziende possono mandarle sia ai propri clienti, sia ai fornitori, non dimenticando di spedirli anche ai dipendenti. Chiunque sia in una posizione nella quale ha bisogno del costante supporto della clientela, non deve mai trascurare queste occasioni pubblicitarie. Soprattutto se è possibile unirle ad una giusta causa.

In Tema

Commenta