Ischia, la magia delle terme

Quando si nomina Ischia si pensa immediatamente alle sue terme popolate di turisti di mezza età provenienti da Europa e Stati uniti. Un pregiudizio che può avere un fondamento ma Ischia offre tanto, molto di più. Un primo esempio della varietà dell’offerta ischiana è rappresentata al meglio dal Monte Epomeo; è la cima più alta di Ischia oltre che la zona più incontaminata e selvaggia. Salire al Belvedere seguendo i numerosi sentieri nella natura si rivelerà certamente un’esperienza appagante.

Ischia vuol dire anche terme ed in questo senso la Baia di Sorgeto ne è forse la massima espressione. Si tratta di una caletta da dove sgorga dell’acqua termale. Qui è possibile ammirare piccole piscine naturali costruite con i sassi e capaci di trattenere l’acqua termale consentendo dunque al visitatore, di sdraiarsi comodamente nell’acqua del mare. Chi passa per Ischia non può non fermarsi al porto ed assaggiare i mitici cornetti di Calise. A qualunque ora del giorno e della notte sono un’autentica delizia locale, soprattutto il classico con crema ed amarena: un’esplosione di gusto e bontà che in un attimo è capace di liberare la mente dai cattivi pensieri. Da provare.

In un caratteristico canyon di tufo sono immerse le bellissime terme romane di Cava Scura. Una doccia termale proveniente dalla montagna, una grotta per le saune naturali e le vasche scavate direttamente sulla roccia caratterizzano questo sito sempre più apprezzato. Le terme Poseidon sono tra le più apprezzate e visitate in quanto si caratterizzano per lo splendido giardino vista mare e le tante vasche e giochi termali.

Ischia è anche cucina tradizionale ed alle Fumarole di Sant’Angelo è possibile gustare i piatti cucinati proprio sulle fumarole. Se si porta con se della carta stagnola e del condimento a piacimento ci si può divertire a provare a cuocere il pesce con il vapore che esce direttamente dalla sabbia.

Uno degli angoli più caratteristici di Ischia è Sant’Angelo ed una passeggiata in questo pittoresco borgo è sempre molto affascinante, nonostante ultimamente abbia perso la sua genuinità che lo aveva contraddistinto.

A Ischia non mancano naturalmente le spiagge non visitare la Cava dell’isola sarebbe imperdonabile; essa infatti è l’unica spiaggia priva di stabilimenti e per questo molto affollata nei periodi di alta stagione e nei week end.

Da Panza si raggiunge La Scannella, piscine termali ricavate e scavate direttamente nella scogliera che si trovano al livello del mare. Si tratta comunque di un piccolo ma sempre molto apprezzato.

Ad Ischia non mancano gli edifici storici e Cartaromana ne è uno degli esempi più belli con le sue asche termali ed i reperti archeologici romani. Il Castello Aragonese, arroccato su un isolotto oggi collegato alla terra ferma fanno il resto, un autentico richiamo per chi vuole unire natura e storia. Magari pernottando in uno dei grandi alberghi, che si sono sviluppati a partire dalla “scoperta” di Ischia, suggerita dal celebre industriale milanese Rizzoli.

Dove alloggiare: Grand Hotel Terme di Augusto, a 5 stelle.

In Tema

Commenta